Notizie

Attrazioni culturali della Calabria. Cosa visitare – Musei, Templi
Attrazioni culturali della Calabria. Cosa visitare – Musei, Templi

Conoscenze pratiche su Pompei

Pompei, conosciuta anche come la "Città delle Ceneri", si trova ai piedi del vulcano Vesuvio, che fu direttamente responsabile della sua distruzione nel 79 a.C. Questo luogo storico è accessibile da Napoli tramite il treno suburbano Circumvesuviana, che impiega circa 30 minuti.

Il luogo archeologico: Pompei

Sito Archeologico di Pompei, iniziate nel 1748 su richiesta di Carlo III di Borbone, hanno rivelato le rovine dell'antica città romana che esisteva sulla collina della Civita. Insieme ai resti della Domus, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli conserva strutture pubbliche, teatri, terme, lupanari e oggetti di uso quotidiano.Il Vesuvio gettò lapilli, cenere e macerie nell'aria, coprendo e conservando i resti degli abitanti nella loro ultima lotta prima della morte. Il gesso poteva essere versato nelle cavità lasciate dai cadaveri per ricreare queste posizioni. Con la conquista nel IV secolo a.C., la città, modellata da greci, etruschi e sanniti, ricevette la sua prima struttura urbana.

museo archeologico reggio calabria

Come iniziare ad esplorare Pompei nel passato

L'area dove si trovano le rovine di Pompei è abbastanza estesa. È una buona idea portare con noi dell'acqua e degli snack perché la visita della città può richiedere molto tempo. Inoltre, se non vogliamo avvalerci dei servizi delle guide, dovremmo portare un libro che ci avvicini al tema degli oggetti specifici. Senza di esso, sarà impossibile orientarsi nelle piccole strade delle rovine della città antica, e peggio ancora, la storia non si "impregnerà" correttamente in noi, con una notevole perdita di valore turistico. Dopo tutto, le rovine in cui ci troviamo ora erano un tempo il palazzo di un alto funzionario. La Palestra Grande e gli edifici pubblici sul lato est del Foro, il nucleo commerciale, politico e amministrativo della città, furono costruiti durante il periodo imperiale, dando a Pompei il suo aspetto moderno.

Le attrazioni a Pompei sono disponibili su base ciclica

A causa dell'enorme numero di persone che visitano Pompei, sono state necessarie modifiche cicliche nella disponibilità delle attrazioni. Di conseguenza, dovete accettare la possibilità che alcuni degli edifici e delle mostre presenti nel libro non siano ora aperti al pubblico. Questo disagio, tuttavia, è inevitabile e non deve essere disprezzato. È una buona ragione per tornare in futuro in questo posto incredibile e vedere cos'altro c'è da vedere.Pompei era intersecata dalla Via dell'Abbondanza, il percorso principale che ha ancora la sua pavimentazione originale, che era circondata da un muro con sette porte che si aprivano. Il percorso andava dal Foro a Porta Sarno, passando per le Terme Stabiane, il più antico complesso termale della città con condizioni di caldo gradualmente rotante, e per l'Anfiteatro, dove giocavano i gladiatori. Il Foro era dominato dal Tempio di Giove e fiancheggiato da archi di marmo onorari dedicati ad Augusto, Tiberio e Caligola, mentre la Basilica era riservata ad Augusto, Tiberio e Caligola. Invece, le grandi ville furono costruite vicino alle mura della città, come la Villa dei Misteri, che prese il nome da un insieme di pitture triclinali a Porta Ercolano. Le rovine di un cimitero sono state scoperte anche fuori dalle mura.

Italiana archeologi – E come siamo messi?
Italiana archeologi – E come siamo messi?

Quali sono le prospettive contrattuali e gli accordi di lavoro degli archeologi nella regione? L'incontro "Archeologia professionale: Istruzioni per l'uso", organizzato dalla Cia (Confederazione italiana archeologi - Ufficio regionale Emilia Romagna) in collaborazione con l'Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Dipartimento di Storia, Culture e Civiltà, si terrà lunedì 26 febbraio 2018, alle ore 15, in Aula Prodi (DiSCi), piazza San Giovanni in Monte 2, a Bologna. Con questo convegno la Confederazione Italiana Archeologi spera di porre le basi per una sede Cia in Emilia Romagna che rappresenti e tuteli tutti gli archeologi offrendo aiuto di fronte alle sfide che vivono quotidianamente. L'archeologo fungerà da moderatore.Il convegno sarà aperto da Federica Mazzoni, presidente della Commissione Cultura del Comune di Bologna, e da Tommaso Magliaro, segretario nazionale Cia. Interverranno su "La legislazione attuale" Luigi Malnati, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Bologna e delle province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara; Angela Abbadessa, Cia-archeologia-contratti; Raffaella Boni, consulente fiscale Cia Sul tema della "formazione possibile", Enrico Giorgi, metodologia della ricerca archeologica dell'Università di Bologna; Elisabetta Govi, etruscologa dell'Università di Bologna. Sulla "situazione attuale" Cristina Ambrosini, direttrice del Museo Archeologico di Forlì; Diana Neri, direttrice del Museo Archeologico di Castelfranco Emilia; Cecilia Milantoni, archeologa; Laura Belemmi, Tecne (Rimini); Gloria Capelli, Gea (Parma); Claudio Calastri, Archeoimprese; Fabio Fagella, Legacoop Una tavola rotonda è ideale.

l’archeologo tipo in Italia

"Discovering the Archaeologists of Europe 2014" è un progetto transnazionale che esamina l'occupazione archeologica e i vincoli alla mobilità transnazionale in venti nazioni europee. È realizzato con l'aiuto del programma di apprendimento permanente dell'Unione Europea. È il seguito della precedente iniziativa Discovering Europe's Archaeologists, che si è svolta dal 2006 al 2008". L'analisi si concentra principalmente sulle conseguenze della crisi economica sulle dinamiche occupazionali degli archeologi professionisti, con l'obiettivo di elaborare modalità di contrasto al problema, a partire dal tema critico della formazione. Nei mesi scorsi abbiamo parlato del dibattito Digging in the Crisis, che si è svolto a Roma il 14 marzo scorso e che ha messo in luce le problematiche relative al rapporto tra formazione e lavoro. The theme's significance was revived during a meeting conducted by the Italian Confederation of Archaeologists in Paestum on the occasion of the XVI Mediterranean Exchange of Archaeological Tourism, to present the partial results of the campaign #letsdisco, which began in November 2013. Ci hanno provato gli archeologi della Confederazione Italiana Archeologi, il primo gruppo professionale fondato in Italia nel 2004 e che rappresenta un numero significativo di archeologi della nostra nazione. L'iniziativa europea Discovering the Archaeologists of Europe, che ha incoraggiato un sondaggio tra migliaia di archeologi in tutta Europa, ha fornito l'occasione per fare il punto sulla professione archeologica. Le informazioni raccolte hanno permesso ai ricercatori di esaminare molti elementi della vita professionale degli archeologi italiani, dalla formazione al posto di lavoro, dai tipi di contratto alle commissioni, dal salario alle questioni di genere. Dunque siamo di fronte a persone altamente specializzate con alle spalle spesso anni di gavetta ed esperienza, ma che percepiscono una retribuzione non in linea con standard accettabili.

test
test
Attrazioni culturali della Calabria. Cosa visitare – Musei, Templi
Italiana archeologi – E come siamo messi?
test